IACOPO TONINI

Ceo di Content Farm - Videodrome
linkedin-icon

Economista quantitativo con una specializzazione in development economics conseguita alla Graduate School of Economics di Barcellona, dopo percorsi di lavoro e studio tra le università di Cambridge, Melbourne, Cape Town, Roma, Siena, New York e Parigi. Sulla via di conseguire un PhD per poter lavorare con le idee, all’intersezione del mondo accademico e di quello di istituzioni come l’OECD o World Bank, un amico gli chiese di aiutarlo a gestire un blog di cultura e società; rimasto profondamente affascinato dall’industria dei media, ha deciso di fare impresa.

 

Dopo un anno ponte, in cui ha lavorato alla IESE Business School e alla NYU Stern Business School insieme al professor Pankaj Ghemawat, l’11 gennaio 2017 ha co-fondato Garden Media, digital agency a vocazione editoriale, che in due anni ha più che raddoppiato il fatturato sebbene non sia riuscita a far crescere l’attività editoriale quanto desiderato. Per questo poco più di un anno dopo, il 4 luglio 2018, rimescolando le carte societarie dà vita a Content Farm, la società che pubblica Videodrome – progetto editoriale di social media publishing, nato con l’ambizione di costruire un global media brand basato su video, dati e contenuti di qualità (editoriali e per terzi).

 

La Content Farm è nata nell’ecosistema di Nana Bianca, tramite Instal, e coinvolgendo l’azienda Aria, che ha inglobato l’attività di servizi digitali di Garden Media e che ha apportato una forte expertise in ambito di produzione di audiovisivi.

 

A meno di un anno dalla sua fondazione, Content Farm ha raccolto oltre 400k tra investimenti e finanziamenti, e con i suoi progetti editoriali raggiunge mensilmente oltre 20 milioni di bacheche, e punta a un ambizioso 2020 sia in termini di fatturato che di raccolta finanziaria, capitalizzando gli investimenti di posizionamento e tecnologia effettuati nel 2019. Sebbene non l’amministrerà più, anche la Garden Media, verrà rilanciata come casa di produzione indipendente denominata Garden Film ampliando così l’ecosistema di realtà afferenti all’industria della produzione che ruotano intorno a Content Farm: elemento strategico per lo sviluppo di attività di content-producer con broadcaster digitali e non.